Come fa l’algoritmo di LinkedIn a definire quali contenuti mostrare all’utente? In quale momento?

Cosa c’è dietro la “scatola nera”, ve lo spiego.

Come funziona il News Feed di LinkedIn?

[torna all’indice]

LinkedIn è un social network. E come la maggior parte dei social network oggi, il suo business si basa sulla pubblicità.

Il modello di business della pubblicità consiste nel vendere l’attenzione degli utenti ai marchi che vogliono promuovere i loro servizi, prodotti o contenuti.

Possiamo quindi immaginare che se vendono attenzione, più ne hanno, maggiori sono i loro potenziali guadagni.

Questo è l’intero modello dei social network come LinkedIn: ottenere più attenzione per guadagnare denaro

Un social network deve quindi farvi trascorrere il maggior tempo possibile sul suo sito o sulla sua applicazione.

Per fare questo, mettono in atto diversi meccanismi:

Trigger

Si tratta di meccanismi web, presenti soprattutto nei social network, che vengono definiti “trigger di azione”.

Vale a dire che all’utente verrà richiesto di eseguire un’azione su LinkedIn: leggere le sue notifiche, rispondere a un messaggio…. etc..

Inneschi esterni

Annunciano all’utente l’azione da compiere collocando l’informazione nel suo campo visivo.

Spesso associati a inviti all’azione, i messaggi sono diretti, le parole sono usate in questo modo: fai questo + ora.

Esempio: un pulsante “scarica subito l’applicazione” o “guarda la demo”

Troviamo questi tipi di trigger ad esempio sulle LinkedIn Ads.

Lo scopo dei trigger esterni è quello di condurre l’utente da qualche parte, ad esempio a una pagina particolare.

Inneschi interni

I trigger interni sono trigger abituali, ovvero l’utente è già attivo su LinkedIn e scorre il news feed o visita le sue notifiche.

Lo scopo del trigger interno è quello di mantenere l’utente più a lungo sul social network professionale.

Notifiche ed email per farvi tornare in rete

Le notifiche via e-mail sono molto potenti.

Quando ci si iscrive a LinkedIn, il network chiede di accettare un piccolo numero d’impostazioni, tutte verificate in anticipo, una delle quali è l’accettazione di ricevere le notifiche via e-mail

Tutti controllano la posta elettronica più volte al giorno.

Quindi, se non siete su LinkedIn, la rete vi scriverà, più volte al giorno, una piccola e-mail automatica che vi dirà che vi siete persi qualche informazione chiave sulla vostra giornata, che “mister X” ha commentato il vostro post o che “Mister Y” ha cambiato lavoro…

Questo susciterà la vostra curiosità e vi farà venire voglia di cliccare.

Pregiudizi cognitivi

I pregiudizi cognitivi sono deviazioni psicologiche. Portano a una percezione distorta della realtà. Questa forma di pensiero influenza le nostre azioni, perché trasforma i nostri pensieri, giudizi e apprezzamenti.

Ecco due esempi di pregiudizi cognitivi per aiutarvi a capire

  • Fad = Un numero di persone che eseguono un comportamento vi incoraggia a farlo.

Tutti sono andati a vedere l’ultimo TOP GUN al cinema e lo hanno adorato, quindi lo vedrete anche se non vi interessa, e finirete per amarlo anche senza sapere bene perché, è l’effetto gruppo o l’effetto moda.

Nelle strategie di marketing sono molto utilizzate questo tipo tecniche per rendere un prodotto molto popolare, rapidamente

  • Belief bias = Definiamo qualcosa come vero, perché si allinea con le nostre convinzioni, senza sapere bene perché

l’80% degli utenti di LinkedIn ritiene che il network contenga informazioni rilevanti e veritiere. In altre parole, si fidano di LinkedIn perché, secondo le loro convinzioni, si tratta di un social network professionale, e professionale = pertinente

I pregiudizi che LinkedIn utilizza sono noti, come la “Fear Of Missing Out” o “Paura di perdersi” che ci incoraggia a tornare per vedere cosa ci saremmo persi.

La ricompensa casuale

Questo è il mio hack cerebrale preferito.

O almeno, è quello che trovo più interessante.

Non si sa mai cosa si trova quando si scorre il feed di notizie di LinkedIn. Di tanto in tanto, un post particolarmente pertinente crea in noi una scarica di dopamina (l’ormone della felicità).

Come ogni buon primate, cerchiamo quel livello di dopamina in altri contenuti, scorrendo ancora di più.

È la ricompensa casuale che ci spinge a scorrere. In altre parole, non sappiamo mai se troveremo un post interessante su LinkedIn mentre scorriamo, ed è proprio il fatto di non saperlo, da cui il termine “casuale”, che ci rende dipendenti dall’interminabile news feed

Non entro nel dettaglio di questi meccanismi psicologici. Vi invito a leggere “Hooked” di Nir Eyal, un best seller sull’argomento

Ciò che ci interessa in particolare è quanto segue e come l’algoritmo di LinkedIn ci mostra i post rilevanti

Emozioni e tasso di coinvolgimento in un post

[torna all’indice]

La maggior parte del pubblico dei social network è silenzioso.

Questo è uno dei principali punti di svolta di Twitter: inizialmente pensavano che tutti andassero su Twitter. Quando hanno esaminato i loro dati, si sono resi conto che la maggior parte delle persone cercava di seguire i contenuti senza crearli o interagire con essi.

Tuttavia, vale la pena notare che il numero di persone che postano sui network è ancora in crescita, c’è e ci sarà sempre una maggioranza di “consumatori di contenuti” e una minoranza di “creatori di contenuti”

Osservando i post virali sui social network notiamo due cose:

  • Spesso hanno un forte impatto emotivo (ecco perché i video di gattini sono sempre così popolari sul web).
  • Hanno un alto tasso di coinvolgimento (rapporto commenti + like / visualizzazioni).
  • Sono ben fatti, o ben scritti o ben illustrati.

Queste tre osservazioni sono direttamente collegate: i contenuti con un forte impatto emotivo hanno maggiori possibilità di farci reagire (sia che l’impatto sia negativo o positivo).

Tuttavia, come abbiamo detto prima, LinkedIn (e altri social network in generale) mira a farvi provare emozioni intense, che rilasceranno ormoni nel vostro corpo.

Ma l’algoritmo di LinkedIn, essendo (ancora oggi) incapace di provare queste emozioni e di determinare la qualità dei contenuti, si baserà sulle emozioni provate dalle persone che vi hanno preceduto.

E come viene misurato? Attraverso il tasso di coinvolgimento, naturalmente!

Come coinvolgere su LinkedIn: I like

Per misurare le vostre prestazioni, ci baseremo sul coinvolgimento della vostra community.

Ok, avete capito bene. Ma sapevate che ogni azione comporta un punteggio diverso?

La persona che vi leggerà potrà scegliere la reazione che desidera.

Potrà scegliere tra 6 icone (o emoji). Ma sappiate che l’algoritmo vi darà un +2% di reach e un 3% a chi cliccherà su una delle reazioni (sì, è vantaggioso anche per voi mettere “mi piace” ai contenuti di altri creatori su LinkedIn).

Potete anche trovare i contenuti che vi interessano digitando le vostre parole chiave direttamente nella barra di ricerca).

Condividere un post

Questa è un’interazione che viene utilizzata un po’ meno delle altre. Tuttavia, se volete condividere un post che vi è piaciuto, ci sono alcune regole da seguire. Infatti, dovrete aggiungere un po’ del vostro marchio personale. Cosa intendiamo con questo? È piuttosto semplice.

Per personalizzare un po’ un contenuto che volete condividere, sentitevi liberi di :

  • Aggiungere valore. Scrivete almeno 150 parole, in modo che l’algoritmo capisca che vi siete presi del tempo per aggiungere un contenuto.
  • Menzionare il nome della persona che ha scritto il post. Questo permetterà anche a loro di rispondervi e di migliorare i vostri scambi.
  • Non esitate ad aggiungere hashtag.
  • Rispondete sistematicamente entro la prima ora se ricevete dei commenti

Capire l’algoritmo di LinkedIn: i commenti

È innegabile che i commenti vi faranno ottenere il maggior numero di punti sul vostro post.

LinkedIn ama l’interazione. È questo che dovete cercare. Quando avete un commento sotto il vostro contenuto, moltiplicate la sua portata per 4 rispetto a un like e per 7 se è stato pubblicato nelle prime due ore.

C’è però una piccola regola: il commento generato sotto il vostro post deve essere più di 5 parole.

Taggare su LinkedIn

Non consigliamo di taggare qualcuno in un post. Potete farlo, ma dovreste (in linea di principio) chiedere alla persona citata se è d’accordo che il suo nome venga menzionato.

D’altra parte, non esitate a rispondergli nei commenti menzionando il suo nome se, ad esempio, vi ha fatto una domanda.

Come funziona l’algoritmo di LinkedIn?

[torna all’indice]

Più alta è la percentuale di commenti e di like/visualizzazioni, più il contenuto sarà mostrato a un vasto pubblico.

Il processo funziona a spirale:

  • Quando si pubblica un contenuto, questo viene mostrato a una piccola parte della propria rete, che funge da campione. La dimensione del campione varia a seconda dell’ottimizzazione del post
  • L‘algoritmo osserva il tasso di coinvolgimento di questo campione, cioè il tasso di persone che mettono like e commentano. Questo tasso iniziale è essenziale perché influenza in larga misura la portata finale del post. O meglio il contrario: l’algoritmo ritiene che se non c’è un forte impegno iniziale, il contenuto non è rilevante. Si dice che sia misurato tra la prima ora e le prime tre ore di vita del contenuto.
  • Sulla base di questo tasso di engagement iniziale, l’algoritmo allarga il pubblico dando priorità alle persone della vostra rete, ma soprattutto alle persone della rete di coloro che si sono impegnati sul vostro post, considerati “profili simili”, che potrebbero quindi essere interessati al vostro contenuto. (Sì, tendiamo ad apprezzare le stesse cose delle persone che ci circondano, la cultura, la rete, quindi a provare emozioni simili su contenuti simili).
  • Se il tasso di coinvolgimento continua a essere simile, il post continua a crescere nel numero di visualizzazioni. Questo è ciò che permette ai contenuti con un alto tasso di coinvolgimento di diventare virali.

C’è un criterio importante da tenere in considerazione:

  • Come si può immaginare, postare un commento è un atto che richiede molto più coinvolgimento di un like.
  • Non hanno affatto lo stesso “peso emotivo” e quindi non hanno lo stesso peso per l’algoritmo. Direi che il rapporto è tra 10 e 20 (1 commento = 10-20 like).

Altri fattori che entrano nell’algoritmo di LinkedIn

[torna all’indice]

Possiamo dire che il tasso di coinvolgimento supera di gran lunga tutti gli altri criteri di distribuzione di una pubblicazione.

Tuttavia, alcuni altri criteri potranno influenzare (soprattutto al ribasso), la portata di un post:

  • Il numero di hashtag utilizzati. L’hashtag è come una “categoria” del post per LinkedIn. Se non ce ne sono, l’algoritmo non può classificarlo. Se sono troppi, riterrà che sia eccessivo e che si cerchi di farlo apparire in tutte le categorie.
  • Dimensione della rete: anche se sembra che questo fattore influisca molto poco, sembrerebbe che la dimensione della vostra rete possa giocare sul campione iniziale del post. (È previsto uno studio per invalidare o confermare questa ipotesi).
  • Leggibilità: una visualizzazione su LinkedIn è solo una persona che passa sul vostro post, senza necessariamente fermarsi. Se il vostro post non è leggibile, la probabilità di coinvolgimento è molto bassa.
  • Visualizzazioni sulle vostre ultime pubblicazioni. Se i vostri ultimi post hanno avuto molte visualizzazioni, LinkedIn tenderà ad allargare il campione iniziale, considerando che la qualità del post è più probabile che sia buona.
  • Link in uscita. Come abbiamo detto, LinkedIn vuole mantenere gli utenti sulla rete per monetizzarli. L’inclusione di link in uscita da LinkedIn nei post aumenta le probabilità che l’utente abbandoni LinkedIn. Le pubblicazioni che contengono un link in uscita vengono quindi svalutate.

Conclusione dell’articolo

[torna all’indice]

Poiché l’algoritmo di LinkedIn è una scatola nera, queste spiegazioni si basano sulle osservazioni fatte dalla comunità di LinkedIn nel corso del tempo. L’algoritmo è destinato a evolversi e l’influenza di alcuni criteri rimane sconosciuta…

Se vuoi sfruttare al meglio le potenzialità della pubblicità su Linkedin per la tua azienda B2B clicca qui sotto e richiedi una consulenza personalizzata dal nostro team di esperti

RICHIEDI UNA CONSULENZA
  • BEO: Un nuovo modo di fare seo

    “Il motore di ricerca più importante è ancora quello nella […]

  • Come funziona l'algoritmo di LinkedIn

    Come fa l’algoritmo di LinkedIn a definire quali contenuti mostrare all’utente? […]

  • Come fanno le aziende B2B ad avere più successo sui social media?

    Si stima che entro il 2025 (fonte GARTNER), l’80% delle […]

Lascia un commento